Home / tutorial oggettistica / Cosa sono le Bambole Kokeshi

Cosa sono le Bambole Kokeshi

COSA SONO LE BAMBOLE KOKESHI

kokeshi4

Cari amici in questo articolo vorrei parlarvi delle graziosissime bambole kokeshi, ho pensato di dedicare loro un piccolo articolo perché sono state per me fonte di ispirazione (come tutto ciò che proviene dal sol levante) in questi ultimi anni. Quindi ho deciso di prendere qualche informazione in più per me e per voi sbirciando nel web, un po qui un po li 🙂 un altro motivo è che ho in cantiere un tutorial su come realizzare una kokeshi in fimo, quindi perché non approfondire un po? Vi lascio alle info, buona lettura!

Le kokeshi sono un tipo di bambole tradizionali Giapponesi, originarie della regione di Tohoku. La traduzione di kokeshi é:

keshi= di legno, ki,ko= o piccole ko= bambole; quindi piccole bambole di legno. Esse sono realizzate a mano e incise e scolpite nel legno da artigiani giapponesi. La caratteristica che identifica la bambola kokeshi è l’assenza di braccia e gambe. Il loro corpo è semplice e cilindrico e nella base superiore si poggia una grande testa sferica,dipinta con poche linee stilizzate che servono a definire i caratteri del viso.

TIPOLOGIE DI KOKESHI

Le kokeshi si distinguono tra:

Kokeshi tradizionali che hanno solitamente un busto più lungo e cilindrico, e una testa più piccola che ha quasi una forma cubica smussata agli angoli) e sono diffuse sopratutto nella prefettura di Myagi,in quella di Yamagata di Akita e di Iwate. E’ interessante sapere che i disegni del busto e la loro forma sono caratteristici della zona di produzione e questa usanza è rimasta invariata nel tempo.Oggi queste deliziose bamboline sono ritenute dei portafortuna contro la cattiva sorte e considerate un raffinato oggetto da collezione da regalare a persone molto speciali.la strada principale di Naruko, nella prefettura di Myagi è conosciuta come kokeshi street per via dei numerosi negozi artigianali specializzati nella produzione di queste bambole.

Le kokeshi creative si distinguono da quelle tradizionali per il busto più corto e arrotondato e per l’uso di colori  e motivi più moderni e non solo, le kokeshi creative solitamente sono composte da più parti in legno, come il fiocco in testa, la piega del chimono sugli avambracci, e gli ombrelli parasole di riso; quest’ultime si sono sviluppate e diffuse dopo la fine della seconda guerra mondiale e possono essere trovate facilmente anche nelle grandi città,poiché non sono specifiche di nessuna zona del Giappone.

bambole kokeshi di naruko

kokeshi moderne

STORIA E ORIGINI DELLE KOKESHI

Le prime bambole kokeshi furono realizzate dagli artigiani del legno, i cosiddetti kiji -shi, alla fine del periodo Edo (1600- 1868).Vennero create in principio come souvenir per i turisti in visita alle terme della prefettura di Myagi ed ebbero un successo tale da propagarsi in tutta la regione di Tohoku. La scrittura tradizionale giapponese chiamata hiragana è stata decisa durante la kokeshi national convention nelle terme di Naruko nell’agosto 1939. Prima di ciò l’origine del termine non era chiara esistevano perciò moltissime scritture ateji di cui una, che era stata attribuita alle kokeshi, e stava a significare piccoli papaveri; in effetti se le si osserva attentamente le kokeshi tradizionali possono sembrare dei fiori per via del loro busto esile rispetto alla grande testa, e non solo anche per la scelta cromatica, poiché esse sono caratterizzate prevalentemente dal colore rosso.

ALCUNE CURIOSITA’ SULLE KOKESHI

Alan Booht, un celebre scrittore,nel suo libro,looking for the lost, suggerisce che le bambole kokeshi in kanji sta a significare “eliminazione del bambino ” secondo la sua testimonianza si tratta di feticci dedicati dalle madri ai propri bambini uccisi volontariamente dopo la nascita. Sebbene l’infanticidio fosse ancora praticato in Giappone nel 1900, non ci sono prove a favore della teoria di booht, al contrario; in fin dei conti sono talmente piccole a armoniose che a noi ci piace sperare che si avvalgono di una funzione differente,quella di portare armonia e gioia. All’inizio del novecento le kokeshi, grazie alla loro popolarità, divennero talmente famose che in Russia furono prese a modello dall’inventore della prima matrioska. Oppure per esempio,il desing dei mii,gli avatar della console nintendo Wii, sono ispirati alle bambole kokeshi.

PRODUZIONE DELLE BAMBOLE KOKESHI

Si tratta di una produzione molto lenta ma semplice, in quanto bisogna attendere la giusta essiccazione del legno per poterlo incidere.Il kiji-shi ,una volta scelto il legno da utilizzare, lo lascia asciugare per un lungo periodo che può andare dai sei mesi ai cinque anni.Un legno comunemente utilizzato per la creazione di bambole kokeshi è l’acero giapponese. Il legno viene formato e levigato secondo i canoni attraverso un tornio; una parte sottile e cilindrica per il corpo e una più sferica o comunque tondeggiante come testa.Una volta levigate le parti il corpo viene dipinto a mano con motivi floreali o lineari, tutti elementi che servono a rappresentare un kimono; la testa rappresenta generalmente un volto femminile ma può anche essere maschile. L’ultimo passaggio consiste nel ricoprire la bambola con uno strato di cera apposita per n proteggere i colori e per fornire alla kokeshi la sua caratteristica lucentezza.

kokeshi moderne (2)

Scroll To Top